MBA 250 V52

1985

Con questa moto Pileri avvicinò tempi record durante i test di Misano.
Doveva essere l’anti-Honda: un progetto troppo costoso.
Rimase un esemplare unico.

Sospensione anteriore

Forcella Marzocchi regolabile in magnesio, escursione massima 120mm

Freno Anteriore

a doppio disco flottante Discacciati in ghisa, con pinza Brembo a doppio pistoncino

Telaio

Scatolato in lega leggere tipo “deltabox”

Motore

Bicilindrico 2t con V aperta di 52° 250cc
Potenza massima 78cv a 13.800 rpm

Con questa moto Pileri avvicinò tempi record durante i test di Misano.
Doveva essere l’anti-Honda: un progetto troppo costoso.
Rimase un esemplare unico.

Sospensione anteriore

Forcella Marzocchi regolabile in magnesio, escursione massima 120mm

Freno Anteriore

a doppio disco flottante Discacciati in ghisa, con pinza Brembo a doppio pistoncino

Ducati 1198 F11 - Carlos Checa

Telaio

Scatolato in lega leggere tipo “deltabox”

Motore

Bicilindrico 2t con V aperta di 52° 250cc
Potenza massima 78cv a 13.800 rpm

Scheda Tecnica

Motore:

due tempi, due cilindri a V di 52°

Alesaggio x corsa:

55×52 mm.

Cilindrata:

246,96 cc

Ammissione:

a disco rotante

Rapporto di compressione:

14:1

Raffreddamento:

a liquido

Alimentazione:

due carburatori Mikuni da 36 mm. (30 mm.)

Trasmissione primaria:

a ingranaggi

Trasmissione secondaria:

a catena

Frizione:

a dischi multipli a secco

Cambio:

a sei rapporti con innesti a denti frontali.

Potenza max:

74 cv a 13.800 gg/m’
tipo Deltabox

Telaio:

lega leggera scatolata

Sospensione anteriore:

Semi-pro System ad articolazione progressiva con forcellone scatolato in lega leggera e monoammortizzatore Zaccaria regolabile

Sospensione posteriore:

monobraccio con monoammortizzatore completamente regolabile Öhlins; escursione ruota 127 mm

Freni:

a disco in ghisa Discacciati con pinze Brembo a doppio pistoncino

Ruote:

a razze Campagnolo in lega di magnesio da 3.50×16″ anteriore e da 4.00×16″ posteriore

Pneumatici:

Michelin da 12/60-16″ ant. e da 15/61-16″ post.

Lunghezza:

max. 2.050 mm.

Interasse:

1.380 mm.

Peso a secco:

92 kg. circa

Image

"Nel 1985, nonostante l’annunciato ritiro del reparto corse MBA, Paolo Pileri assieme ad alcuni meccanici sviluppò un nuovo motore bicilindrico a V di 52°. Attorno a quel motore si realizzò poi prima un manichino in legno, poi un prototipo con telaio in alluminio scatolato. Lo stesso Paolo, a Misano, fece registrare il record della pista. Di lì a poco la MBA chiuse, Pileri salvò la moto, poi restaurata con attenzione da un grande appassionato come Genesio Bevilacqua. Grazie Genesio, per aver salvato dall’oblio questa moto e la sua storia."